Home » In Copertina » Feditalimprese ambasciatore della campagna “Plastic free” lanciata dal Ministero dell’Ambiente

Feditalimprese ambasciatore della campagna “Plastic free” lanciata dal Ministero dell’Ambiente

La Giunta nazionale di Feditalimprese ha approvato l’adesione a “Plastic Free”, #iosonoambiente, campagna nazionale promossa dal Ministero dell’Ambiente per incentivare l’uso di materiali biodegradabili.

Feditalimprese, di fatto, deliberando l’adesione a plastic free, ha recepito una serie di linee guida che condurranno ad una effettiva applicazione della regola delle 4 R (riduci, riutilizza, ricicla, recupera), ed all’attivazione di campagne di sensibilizzazione a favore dell’utilizzo di materiali eco compatibili, secondo criteri di sostenibilità ambientale.

L’Italia è tra i primi consumatori in Europa e nel mondo per utilizzo di acqua imbottigliata, ogni anno consumiamo 206 litri di acqua in bottiglia a testa e dopo il breve uso, una bottiglia di plastica rimane nell’ambiente per almeno 250 anni. Ognuno di noi consuma ogni anno quasi 2 chili di posate, piatti, bicchieri e cannucce monouso in plastica, le usiamo per pochi minuti e rimangono nell’ambiente per anni

Con l’adesione alla campagna “Plastic free”, FEDITALIMPRESE amplia le proprie azioni approvando le linee guida che prevedono anche di non utilizzare plastica monouso durante eventi o riunioni, e di promuovere azioni di sensibilizzazione sull’importanza di ridurre l’inquinamento da plastica, una sollecitazione per ridurne il consumo, sostituirla laddove oggi esistono alternative valide e più sostenibili, e attuare una corretta gestione nel fine vita attraverso la raccolta differenziata, il riciclo e il reimpiego della materia prima seconda che ne deriva. L’Europa sta tracciando la strada con proposte di direttive che puntano a regolamentare progettazione, produzione e distribuzione dei prodotti in plastica, chiedendo con forza che anche questo settore viri drasticamente verso un’economia di tipo circolare, che garantisce nuove opportunità per l’innovazione, la competitività e l’occupazione.

Personalmente afferma Gianluca Micalizzi presidente nazionale di Feditalimprese, sarò in prima fila per questo nuovo impegno, per questa nuova battaglia, si tratta di una inevitabile scelta di buon senso, per noi e per il futuro dei nostri figli. Una scelta che condivideremo con tutte imprese aderenti, sentendoci parte di un cambiamento inevitabile ed indifferibile perché la lotta per la cura dei nostri territori merita di essere affrontata con impegno e passione, la nostra organizzazione sindacale vuole tutelare l’ambiente ed evitare che la plastica continui ad inquinare i nostri territori, i nostri mari e le nostre bellezze ”.

Feditalimprese promuoverà iniziative e progetti per sensibilizzare le PMI sull’importanza del progetto #PlasticFree, a tal proposito nei prossimi giorni in tutte le sedi provinciali dislocate sul territorio nazionale si terranno degli incontri programmati al fine di coinvolgere gli imprenditori per iniziative di sensibilizzazione.

Ogni anno almeno 8 milioni di tonnellate di plastica finiscono negli oceani, con gravi conseguenze sulla vita marina e terrestre. Si tratta soprattutto di oggetti monouso come bottiglie, stoviglie, cannucce e sacchetti: il loro utilizzo dura solo pochi minuti, ma, disgregati in frammenti di microplastiche, inquinano per sempre e si ritrovano nell’aria, nell’acqua potabile e in alimenti come il sale e il miele.
Dobbiamo limitare l’utilizzo della plastica usa e getta: è una sfida globale e urgente che richiede il contributo di tutti, Cittadini, istituzioni, imprese devono fare la loro parte.